News

Acqua detox per disintossicare e depurare l´organismo

Acqua detox per disintossicare e depurare l´organismo

09 Luglio 2017

L'acqua detox è una bevanda, che si può consumare durante la stagione estiva. Il suo prezioso potere è quello, di aiutare l'organismo a depurarsi e disintossicarsi, in maniera naturale. Per la preparazione, di questa "bibita benefica" si utilizza l'acqua, a cui si aggiunge a propria scelta e proprio gusto la frutta, la verdura o le spezie. Questi sono tutti alimenti che contengono le vitamine, i sali minerali e le proprietà nutritive. In questo nuovo articolo, vi presentiamo l'acqua detox, aromatizzata al cetriolo, per liberare l'organismo dalle "impurità".

Acqua detox al cetriolo

Vi occorre:

1 litro di acqua fresca

1 cetriolo

1 barattolo o un contenitore con il tappo

Prendete il baratto o il contenitore (pulito) e versateci il litro di acqua fresca, aggiungendo il cetriolo, tagliandolo a fettine sottili. Mettete il composto nel frigo e conservarlo da un minimo di 3 ore ad un tempo massimo di 12 ore. Consumate la vostra acqua aromatizzata per 2 giorni consecutivi, quando preferite, ma possibilmente lontano dai pasti principali.

I vantaggi dell'acqua detox al cetriolo sono :

depurazione e disintossicazione dell'organismo

favorisce la diuresi, eliminando il senso di gonfiore

un aiuto naturale per combattere e prevenire la cellulite

La natura è vostra amica, prendetevi cura del vostro benessere. Semplice, efficace e naturale.

Gli alimenti per difendersi dal caldo

Gli alimenti per difendersi dal caldo

07 Luglio 2017

La prima arma di difesa, per combattere il gran caldo afoso è sicuramente scegliere un tipo di alimentazione leggera, ma che sia nutriente. Come ben sapete, quando il caldo diventa intenso e torrido, l'organismo avverte un senso di incapacità nel sopportare, le temperature eccessivamente calde. Questo problema provoca, molto spesso un disagio e proprio per questo motivo, durante questo periodo della stagione, abbiamo bisogno di poche proteine e possibilmente, molta acqua. In questa nuova guida vediamo come difenderci dal caldo, consumando degli alimenti considerati "rinfrescanti".

Alimenti per combattere la stagione calda

La zucchina, è un ortaggio che contiene pochissime calorie e una buona percentuale di acqua. E' ricca di sali minerali e vitamine, facile da digerire e risulta essere un valido aiuto, per chi desidera un'abbronzatura intensa.

Il cetriolo, è costituito da acqua, vitamine, sali minerali e amminoacidi. Queste sostanze elencate garantiscono, alla pelle la giusta idratazione, in più, è diuretico e svolge un'azione disintossicante.

Il melone, è rinfrescante e idratante, contiene acqua vitamine e sali minerali che, influiscono migliorando la circolazione sanguigna e la pressione arteriosa.

L'anguria, è il frutto estivo per eccellenza. Le sue preziose vitamine, i sali minerali e le proprietà antiossidanti sono in grado di contrastare il senso di "affaticamento estivo". E' un frutto dissetante, diuretico e ostacola i radicali liberi.

Il pollo, è un alimento leggero e facile da digerire. Contiene minerali e vitamine e risulta essere un buon alimento proteico.

La sogliola, contiene proteine, ma è magra e si digerisce con facilità.

Ricordate sempre, di bere almeno 2 litri di acqua al giorno lontano dai pasti principali. Evitate o riducete il consumo di bevande gassate e zuccherate.

Un pasto leggero e nutriente, per difendersi dal caldo!

Combattere il caldo, con una bevanda dissetante e rinfrescante

Combattere il caldo, con una bevanda dissetante e rinfrescante

05 Luglio 2017

Quando il caldo si fa intenso, bere molto nei limiti del giusto, fa bene al nostro organismo, perché la giusta idratazione si prende cura della salute dell'organismo, ma anche della bellezza della pelle. Durante l'estate, quando le temperature diventano eccessivamente calde bere è fondamentale e ancora più importante è evitare il consumo di bevande troppo zuccherate, gassate e alcoliche, perché queste aumentano la temperatura corporea, provocando un aumento della sudorazione. In questa nuova guida, vi riveliamo come preparare una bevanda dissetante e rinfrescante, da consumare durante la torrida stagione estiva.

Bevanda dissetante e rinfrescante con il limone e lo zenzero

Gli ingredienti che vi occorrono sono:

750 ml di acqua

1 limone

6 cm di zenzero

In un tegame mettete la quantità di acqua e portate ad ebollizione. Successivamente, versate il contenuto dell'acqua in una brocca e aggiungete il limone e lo zenzero, tagliate entrambi a fettine sottili e lasciate in infusione per circa 30 minuti. Quando il tempo è trascorso, filtrate il tutto con un passino da cucina. Potete consumare la vostra bevanda dissetante a temperatura ambiente o se preferite, conservatela nel frigorifero e sorseggiarla fredda.

Sopportare il cado a volte è difficile e stressante, ma con questa bevanda, non vi resta che prendervi una pausa rinfrescante.

Un rimedio naturale per trattare i capelli secchi e sfibrati

Un rimedio naturale per trattare i capelli secchi e sfibrati

04 Luglio 2017

I nostri capelli hanno molti nemici, che in modo inevitabile interferiscono sulla loro naturale bellezza. Infatti, come ben sappiamo, durante la stagione estiva sono più soggetti a diventare secchi e tendono a sfibrarsi con molta facilità, perché il sole, il mare e la salsedine, purtroppo incidono evidenziando questo problema. I capelli eccessivamente secchi e sfibrati, diventano fragili e questo provoca la formazione delle doppie punte, l'effetto crespo e ogni singolo capello tende a spezzarsi. In questa nuova guida, vi proponiamo un trattamento naturale per nutrire la vostra chioma dalle punte alla radice.

Maschera nutriente per capelli secchi e sfibrati allo yogurt

Vi occorrono:

125 ml di yogurt bianco naturale
3 cucchiai di olio extra vergine
3 cucchiai di miele
1/2 succo di un limone spremuto

Avete bisogno di una ciotola, dove metterci la quantità di ogni ingrediente indicato, mescolate con cura con un mestolo da cucina, fino ad ottenete un composto ben amalgamato. La vostra maschera è pronta, posizionate un asciugamano intorno alle spalle, pettinate la vostra chioma e
applicate la crema sui capelli asciutti (cute, punte e lunghezze). Lasciate in posa per 30 minuti e poi, sciacquate abbondantemente con acqua tiepida, procedendo alla normale detersione, ripetendo almeno 1 volta a settimana questo trattamento nutriente.

I vostri capelli saranno morbidi, setosi e nutriti in profondità. Se la vostra chioma è intrattabile, ora sapete come trattarla, prendetevi cura di "lei".

Un aiuto naturale, per le gambe stanche e pesanti

Un aiuto naturale, per le gambe stanche e pesanti

03 Luglio 2017

Le gambe stanche e pesanti sono un problema, molto diffuso che colpisce gli arti inferiori, causando una sorta di malessere e fastidio, che in modo inevitabile si ripercuote su tutto l'organismo. Come ben sapete, la stagione calda può accentuare questo disturbo, ma non è l'unica causa, perché può anche essere provocato da uno stile di vita troppo sedentario, dal peso corporeo in eccesso, dagli sforzi fisici elevati, dalla cattiva circolazione sanguigna e in alcune situazioni, anche da diversi tipi di infezioni che trovano sfogo, purtroppo, proprio sulle gambe.

In natura esiste un'erba che si chiama centella asiatica o tigre del prato, in grado di apportare sollievo alle gambe stanche e pesanti, perché le sue proprietà benefiche, migliorano la circolazione sanguigna, alleviando il senso di pesantezza, di stanchezza e aiutano, l'organismo a recuperare il giusto benessere fisico. Per combattere questo fastidio, prepareremo una tisana "calmante" per le gambe affaticate. Vediamo cosa occorre e come prepararla.

Tisana alla centella asiatica o tigre del prato

Vi occorrono:

300 ml di acqua
1 cucchiaino di foglie essiccate di centella asiatica

Dovete prendere un tegame e metterci, la quantità di acqua indicata e le foglie di centella asiatica essiccate, portando il tutto ad ebollizione a fuoco lento. Lasciate in infusione per un paio di minuti e poi, versate la vostra tisana in un bicchiere, consumandola a temperatura calda, possibilmente 3 volte a settimana, la sera prima di andare a dormire.

Gambe stanche e pesanti? Non rinunciate mai, al vostro benessere.

Le regole giuste, per avere un´abbronzatura perfetta

Le regole giuste, per avere un´abbronzatura perfetta

02 Luglio 2017

Durante la stagione estiva, nella maggior parte delle persone, cresce il desiderio di voler sfoggiare un'abbronzatura perfetta. Ma spesso questa gran voglia, porta a commettere con estrema facilità, solo errori.

Come ben sapete, per esporsi in modo corretto ai raggi solari, bisogna prestare attenzione a delle piccole accortezze, che permettono di preparare la pelle all'esposizione solare e che aiutano ad avere un'abbronzatura intensa, dorata, evitando scottature e spellature.

Ci sono alcune regole importanti e se decidete di seguirle, otterrete un'abbronzatura perfetta e senza danni.

Regola numero 1: prima di ogni esposizione solare, la pelle del viso e del corpo deve essere pulita. Il trattamento indicato è lo scrub, che permette di eliminare tutte le cellule morte che si depositano nell'epidermide. In questo modo, il risultato sarà un'abbronzatura omogenea e senza fastidiose spellature.

Regola numero 2: curare l'alimentazione è fondamentale, perché se consumate con regolarità frutta e verdura e in particolar modo, alimenti ricchi di Beta-Carotene, la vostra pelle oltre, ad avere una buona idratazione, sarà preparata in modo sano all'esposizione al sole.

Regola numero 3: ricordate di proteggere la vostra pelle, con prodotti che siano di qualità e non aggressivi e che, soprattutto siano specifici, per soddisfare le vostre esigenze.

Il sole è vostro amico, fatevi baciare, ma in modo corretto e sano.

Alitosi, dieci motivi per cui potresti avere l’alito cattivo

Alitosi, dieci motivi per cui potresti avere l’alito cattivo

01 Luglio 2017

Capita a tutti, di tanto in tanto, di avere l’alito cattivo, determinato per lo più dalla presenza di batteri nel cavo orale ed eliminabile facilmente con una buona igiene della bocca.

Si parla invece di alitosi cronica quando questa condizione si rivela persistente: in questo caso, l’alito cattivo può dipendere da cause più gravi, per le quali saranno necessarie indagini più approfondite.

Vediamo insieme quali sono le dieci principali cause dell’alito pesante:

  1. Non praticare un’adeguata igiene orale, che comporta la proliferazione dei batteri responsabili dell’odore sgradevole;
  2. Avere residui di cibo in bocca e sulla lingua, che andrebbero sempre eliminati lavandosi i denti subito dopo i pasti e strofinando bene la lingua;
  3. Parlare molto, poiché quando si parla la bocca tende a seccarsi e il fiato si appesantisce;
  4. Trovarsi in una condizione di stress, dato che quando si è stressati diminuisce la produzione di saliva e i batteri - di conseguenza - tendono ad aumentare;
  5. Digiunare o saltare i pasti, infatti mangiando viene stimolata la salivazione e, come rivelato da diversi studi della Clinica dentale dell’Università di Berna, si evita l’alito cattivo per almeno due ore e mezza dopo la fine del pasto;
  6. Seguire una dieta iperproteica, poiché a causa del mancato apporto di carboidrati l’organismo inizia a bruciare i grassi favorendo la produzione di chetoni, che possono dare all’alito uno sgradevole odore di acetone;
  7. Mangiare alimenti dall’odore particolarmente persistente come aglio, cipolla, cibi speziati, carni affumicate, alcuni pesci, e così via;
  8. Fumare abitualmente tabacco o sigarette;
  9. Assumere bevande alcoliche;
  10. Fare uso di determinati farmaci (soprattutto antistaminici, ansiolitici, antidepressivi e diuretici).

Quando non è transitoria, l’alitosi può anche essere determinata da alcune malattie respiratorie, come tonsillite, bronchite e sinusite; da malattie digestive, come ad esempio il reflusso esofageo; e da malattie sistemiche quali diabete e disfunzioni epatiche o renali.

Aumentare il metabolismo in estate? C´è il caffè verde!

Aumentare il metabolismo in estate? C´è il caffè verde!

30 Giugno 2017

Negli ultimi anni è stato riscoperto il benefico effetto del caffè verde: questo, è semplicemente comune caffè non tostato e viene utilizzato spesso come integratore alimentari da chi vuole perdere peso.

Perchè? Il caffè verde contiene principi attivi che stimolano il metabolismo dei grassi limitando l’assorbimento degli zuccheri. Ha un contenuto di caffeina minore e a differenza del suo fratello tostato, è a rilascio graduale. In pratica, con una tazzina di caffè nero la caffeina agisce entro mezz’ora, invece, con il caffè verde, la caffeina rimane nel sangue di più, con un effetto tonico prolungato.Il potere dimagrante per cui è famoso è dato dalla capacità di ridurre la formazione di glucosio a partire dal livello epatico.

Nel 2012 anche l'Università di Cranston in Pennysilvania ha analizzato le sue proprietà e ha concluso che sono sostanzialmente legate alla caffeina che stimola il metabolismo e all’attivazione di adrenalina e noradrenalina che sono in grado di “sciogliere” le cellule adipose limitano l’assorbimento dei grassi.

Generalmente l’assunzione è consigliata al mattino o nel primo arco della giornata. Il suo potere anti-fame è più sfruttabile se assunto prima dei pasti. E' comunque sconsigliato a donne incinte o che allattano e ovviamente ai bambini. Deve evitarlo chi soffre di tachicardia o disturbi del sonno.

Difendiamo la pelle anche con l´alimentazione

Difendiamo la pelle anche con l´alimentazione

29 Giugno 2017

La regola principale quando si decide di dedicarsi alla tintarella è in sempre quella di adottare le dovute precauzioni per non incorrere nelle fastidiose, e pericolose, scottature. Queste insieme agli eritemi possono portare danni alla pelle fino ad alterazioni precancerose; non solo, possono anche far comparire prima del tempo rughe e segni d'invecchiamento cutaneo.

L'uso di creme protettive è fondamentale ma, l'alimentazione ha sicuramente un suo ruolo specifico. Esistono una serie di cibi che non dovrebbero mancare sulle nostre tavole durante l'estate, ad esempio:

1. Pomodori: contengono una buona quantità di licopene, fondamentale per la prevenzione delle scottature.

2. Cacao: ricco di flavonoidi diminuisce la probabilità di arrossarsi della pelle mantenendola idratata.

3. Curcuma: ha il potere di trasformare i radicali liberi in sostanze innocue per il nostro organismo. Rallenta quindi l'invecchiamento cellulare.

4. More: sono ricche di pigmenti chiamati antociani, che forniscono protezione sul nucleo della cellula.

5. Albicocche: hanno un carico eccezionale di minerali e vitamine A e C, carotenoidi e flavonoidi.

6. Carote: famose da sempre per l'elevato contentuto di carotenoidi, potenziano la melanina.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.