News

La pancia gonfia e i suoi tanti perché

La pancia gonfia e i suoi tanti perché

20 Agosto 2017

Il fastidioso senso di pancia gonfia è un disturbo, abbastanza frequente e diffuso maggiormente nelle donne, perché spesso compare qualche giorno prima, dell'arrivo del ciclo mestruale. In questa specifica situazione, i liquidi vengono trattenuti e il malessere si attenua fino a scomparire, quando compare il flusso delle mestruazioni.

Abbiamo detto, che questo tipo di problema coinvolge maggiormente il sesso femminile, ma tutti possono soffrire di questo disturbo e per controllarlo, bisogna prestare attenzione all'alimentazione. Infatti, il consiglio è quello di consumare regolarmente frutta, verdura e limitare il consumo del sale, perché queste preziose accortezze alimentari, vi permettono di evitare e ridurre l'accumulo di liquidi.

Ci sono situazioni in cui la pancia si gonfia, perché si accumula una quantità eccessiva di aria e questo viene generalmente, associato ad un problema di cattiva e lenta digestione, a possibile problemi intestinali, a intolleranze ad alcuni alimenti, al consumare troppo veloce dei cibi e a volte anche, allo stress e all'ansia. E' importante masticare gli alimenti lentamente, con la dovuta calma e e cercare di ridurre il consumo del pane e dei prodotti lievitati. Inoltre, è indispensabile evitare l'abuso di alcol, cibi fritti e condimenti troppo elaborati.

Se il sintomo vi crea disagio e malessere, affidatevi a noi e al medico di fiducia, perché la nostra esperienza e professionalità, vi aiuterà a risolvere il problema.

Come prevenire e curare la dermatite da pannolino

Come prevenire e curare la dermatite da pannolino

19 Agosto 2017

Nei neonati, il pannolino molto frequentemente può causare degli arrossamenti, che interessano il sederino e i genitali. Questa irritazione prende il nome di dermatite da pannolino e rappresenta una reazione allergica della pelle, che accompagna i primi anni di vita del piccolo bambino. Questo fastidioso arrossamento è causato dall'urina, che rimanendo nel pannolino e a contatto con queste parti del corpo molto delicate, tra il bagnato, il caldo e l'umido, provoca un soffocamento dell'epidermide e ne causa la sua formazione.

Per prevenire e curare questo problema, bisogna detergere con cura e regolarità la parte utilizzando acqua tiepida, sapone neutro e applicare dopo ogni lavaggio, una crema delicata che svolga un'azione emolliente, idrante, ma anche protettiva. E' importante che la crema che scegliete di applicare, non contenga nichel e additivi, perché potrebbero provocare delle reazioni allergiche. Il prodotto in crema deve essere ricco di elementi e sostanze "grasse", tra cui il pantenolo e le vitamine, che permettono e facilitano il rinnovamento dell'epidermide.

Nella nostra struttura farmaceutica, potete rivolgere al nostro personale ogni vostra domanda di dubbio a riguardo ed avere risposte mirate per tenere sotto controllo questo problema e in più, troverete i prodotti più indicati, per mantenere il vostro bambino in perfetta salute.

Se la vista si abbassa la sera, da cosa può dipendere?

Se la vista si abbassa la sera, da cosa può dipendere?

18 Agosto 2017

Quando la vista si abbassa la sera, questo disturbo può essere provocato da diversi fattori. Prima di tutto dobbiamo evidenziare, che le persone affette dalla miopia con il calare del sole e negli ambienti poco illuminati non vedono bene. Sulla qualità della vista, può incidere la forte carenza di vitamine, ma anche la stanchezza e l'affaticamento sono responsabili di un abbassamento momentaneo della vista la sera. In casi più gravi, la riduzione della vista in questo momento specifico della giornata, può derivare da una malattia dell'occhio che prende il nome di retinopatia pigmentaria e impedisce una vista chiara e limpida, ma in questo specifico caso è indispensabile sottoporsi ad una visita oculistica.

Per mantenere gli occhi in salute è importante assumere la giusta quantità di acqua e non far mai mancare la vitamina A, la E, la C e le vitamine appartenenti al gruppo B. La vitamina A è fondamentale, per il benessere della degli occhi e per migliorare la salute della vista, inoltre, un grande aiuto lo si può trovare negli integratori a base di mirtillo, perché grazie al loro elevato contenuto di antocianine, favoriscono l'adattamento della vista al buio e, influiscono a vedere meglio nelle ore serali.

Se questo problema, purtroppo accompagna le vostre serate, nella nostra farmacia e parlandone con il vostro medico di fiducia, troverete una valida soluzione.

La rinite allergica, un´infiammazione della mucosa nasale

La rinite allergica, un´infiammazione della mucosa nasale

17 Agosto 2017

La rinite o congestione nasale è un'infiammazione o un'irritazione, della mucosa nasale e può essere cronica o in forma acuta. I sintomi, più comuni sono il naso chiuso o viceversa che cola con frequenza, il prurito nasale, la lacrimazione degli occhi abbondante, gli starnuti numerosi, il fastidioso mal di testa e in casi più gravi, la respirazione può essere difficoltosa.

La rinite allergica è spesso causata, da una reazione del sistema immunitario ad alcune sostanze presenti nell'ambiente e nell'aria e possono essere il polline, la polvere, la muffa, gli alberi, l'erba e gli acari. Inoltre, in alcuni casi può anche essere provocata se si sta a contatto con gli animali (pelo o forfora). E' importante sapere, che oltre la rinite allergica, esiste quella virale acuta, quella cronica, quella atrofica e quella vasomotoria e ogni situazione, deve essere valutata e confermata da uno specialista, tramite appositi accertamenti medici.

Purtroppo molto spesso evitare la sostanza o le sostanze, che provocano l'allergia è quasi impossibile, quindi per accertare le cause e attenuare il "malessere" è necessario consultarvi con il vostro medico, in modo da eseguire dei controlli specifici o esporci il vostro caso a cui saremo felici di dare un consiglio mirato.

Pressione bassa: che cosa fare?

Pressione bassa: che cosa fare?

16 Agosto 2017

La pressione bassa è una condizione dove i valori pressori (valori della pressione) stando a riposo, risultano essere inferiori alla norma. Questa patologia, durante i mesi estivi può subire un lieve peggioramento e aumentare i sintomi già presenti. Infatti, quando il caldo diventa intenso, i disturbi come la stanchezza, il pallore, le vertigini, i capogiri, l'annebbiamento della vista, il senso di svenimento, la confusione e i brividi di freddo, purtroppo possono prendere il sopravvento.

Che cosa fare in caso di pressione bassa o ipotensione? Prima di tutto è importante bere, in modo regolare durante l'arco dell'intera giornata e non solo quando si sente il bisogno. Da non sottovalutare l'apporto di sali minerali come il magnesio e il potassio, perché questi "elementi" sono indispensabili, per mantenere il nostro organismo in salute. Inoltre, bere bevande come il caffè e il tè e mangiare alimenti come il cioccolato extra fondente e la liquirizia, sono un valido aiuto per tirare su la pressione bassa. Praticare un pò di attività fisica, migliora la circolazione del sangue. Per normalizzarla, si possono anche assumere compresse a base di Ribes nigrum.

Nel caso i sintomi diventino persistenti è bene, affrontare l'argomento con il proprio medico, oppure potete esporre il problema parlandone con il nostro personale farmaceutico.

La cellulite è responsabile della comparsa dei capillari?

La cellulite è responsabile della comparsa dei capillari?

15 Agosto 2017

La cellulite, purtroppo una delle maggiori responsabili, provoca la comparsa dei capillari in evidenza. Il termine medico, per indicare i capillari in evidenza è teleangectasie. Questo problema è molto diffuso nelle donne e durante la stagione estiva, può peggiorare notevolmente.

La cellulite è un disturbo, che colpisce l'ipoderma, questo tessuto si trova sotto il derma e la sua natura è prevalentemente adiposa. L'accumulo di liquido, che viene perso dai vasi sanguigni, influisce mettendo i capillari in evidenza. Infatti, la parete dei piccoli capillari subisce spiacevoli conseguenze, che ne causano la dilatazione. Quando la pelle appare a buccia d'arancia, questo significa che i vari scambi di ossigeno, di anidride carbonica e di nutrienti per i tessuti, non avvengono correttamente e sono difficoltosi. E' importante essere a conoscenza, che la cellulite e i capillari in evidenza derivano da un'insufficienza venosa (il sangue fatica a tornare al cuore).

Recandovi nella nostra farmacia, il nostro personale specializzato sarà pronto ad accogliervi e rispondere ad ogni vostra domanda e vi proporrà, i prodotti più indicati e specifici, per tenere sotto controllo il problema legato ai capillari in evidenza.

L´estate interferisce sulla salute delle gambe

L´estate interferisce sulla salute delle gambe

14 Agosto 2017

La stagione estiva interferisce sulla salute delle gambe, perché quando il caldo diventa intenso i vasi sanguigni si dilatano. Infatti, la dilatazione dei vasi provoca nelle gambe un fastidioso senso di gonfiore e pesantezza.

Per combattere questo problema, una valida soluzione è utilizzare le creme a base di ippocastano, centella asiatica, ginkgo biloba e prodotti ricchi di flavonoidi (antiossidanti). Per un maggior sollievo, la crema da applicare sulle gambe, la potete conservare in frigorifero. Questi estratti aiutano le pareti dei vasi sanguigni a rimanere in salute e favoriscono il recupero dei liquidi da parte del sistema linfatico.

Altre soluzioni, che aiutano a prevenire fastidi alle gambe sono evitare di esporsi al sole durante le ore troppo calde, non stare troppo seduti o troppo in piedi nella stessa posizione, ma preferire delle camminate a passi veloci. E' fondamentale evitare alimenti troppo salati, bere regolarmente e fare docce, alternando acqua tiepida e fredda e cercare di dormire, possibilmente con le gambe sollevate. In più, per le donne è bene evitare d'indossare tacchi eccessivamente alti.

Per ulteriori domande e consigli, non esitate a visitare la nostra farmacia.

Come si cura l´eritema solare?

Come si cura l´eritema solare?

13 Agosto 2017

L'eritema solare, purtroppo è un problema che si forma sulla pelle del corpo o del viso, in mancanza della giusta protezione dai raggi solari. Questa infiammazione, infatti è causata maggiormente dai raggi UVB e per evitare la comparsa, di questo spiacevole fastidio è importante proteggere la pelle con i giusti filtri solari (protezione dai raggi UVB e i raggi UVA) e nelle ore più calde, stare lontani dal sole. La protezione solare, deve essere scelta in base al proprio fototipo di pelle e deve essere applicata regolarmente, durante l'esposizione al sole.

Per calmare e attenuare l'eritema solare bisogna idratare la pelle e applicare prodotti specifici, che siano ricchi di principi lenitivi e decongestionanti, che agiscano favorendo la rigenerazione della parte lesionata. I prodotti, più adatti per curare questo problema sono le emulsioni, le schiume e gli spray, perché si assorbono facilmente, non vanno massaggiate e in questo modo, si evita di strofinare la zona irritata dove compare l'eritema. Inoltre, se il dolore è insopportabile, si possono applicare molto delicatamente degli impacchi freddi utilizzando il ghiaccio, avvolgendolo in un panno soffice e di cotone.

Per consigli e prodotti specifici per trattare l'eritema solare, nella nostra farmacia, il nostro personale specializzato vi guiderà alla scelta più adatta alle vostre esigenze, per calmare il problema.

La gravidanza e i bruciori di stomaco

La gravidanza e i bruciori di stomaco

12 Agosto 2017

Durante la gravidanza, una donna è molto più sensibile e delicata e i bruciori di stomaco, possono accompagnare regolarmente questo particolare momento della vita. Il bruciore di stomaco è spesso causato dalla presenza del bambino che cresce costantemente nella pancia, ma anche, perché nell'arco della gravidanza ogni donna è interessata da continui cambi ormonali. Questo accade, perché il progesterone, che viene prodotto in modo naturale dalla placenta, influisce nel rallentare e rendere la digestione più lenta, perché rilassa la valvola che separa l'esofago dalla stomaco, provocando il bruciore (reflusso gastrico).

Per calmare questo problema è consigliabile assumere, gli antiacidi a base di magnesio (molecole che controllano l'acidità di stomaco e i suoi effetti dannosi) e cercare di evitare quelli che contengono il sodio. In più, se non soffrite di pressione alta, potete consumare i farmaci a base di liquirizia, che agiscono migliorando la funzione digestiva e attenuano il senso di bruciore.

Se la vostra gravidanza è accompagnata da questo problema, non esitate assolutamente, a parlarne con il vostro ginecologo e con noi, perché vi aiuteremo a tenerlo sotto controllo e risolverlo.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.